Gridare

La cosa più difficile nei sentimenti è viverli. Essere in grado di esprimerli. Non avere paura. Non è facile nemmeno scrutare loro. Ma puoi gridare su di loro: devi solo trovare un posto adatto.

Voglio davvero sterminarli, inviarli alla realtà parallela, macinare nella polvere, scuotere questa polvere dai loro piedi. “Non preoccuparti, non preoccuparti, beviamo rosso!” – me lo dice un amico, e le sono grato per essere rimasta con me in questo momento difficile e non mi scappa con una smorfia di disgusto o noia in risposta al mio grido di esperienza.
Ma loro, questi sentimenti, non annichileranno mai, non si rompono in polvere, non scompariranno in un casino compresso sotto il letto, dove cerco di spingerli, preservando l’aspetto generale del mio alloggio con un decente e pubblico. Non dissolversi in un piacevole bere vino con un amico.

“Un drago che si affrettò al fuoco vive nella mia stanza, ma faccio finta di non notare”, dice il mio psicoterapeuta con un sorriso.
“Non sono pronto a guardare nel ponte del dolore, no, non adesso”, le dico sul serio.
È molto spaventoso vivere con altri sentimenti. Con sentimenti di risentimento

https://ironlabs-ph.com/2023/12/12/ultrabet-turkye-canl-bahs-mobil-yeni-adresi/

, vergogna, odio, paura. Anche per navigarli – cioè vedere e dare una definizione è molto difficile, perché per questo è necessario scrutarli, e questo è completamente insopportabile.
Vivo in un appartamento con udibilità al cento per cento: sento i vicini giurarsi e immobili al bambino. Ho anche un gatto che ha paura delle urla, quindi esprimi i miei sentimenti in quanto richiedono, con tutta la loro sgradevole natura selvaggia, non posso. Ma a volte vado a visitare mia sorella in sua assenza – ha uno stalinka con pareti spesse, isolamento del suono come in un ingegnere del suono professionale – e lì comincio a sentirmi libero.
“Cosa voglio? – meticolosamente mi chiedo nel corridoio. – Grido”.
E poi sento con sorpresa che mi permetta di gridare: “Ti sei dimenticato di me!”,” Odio avere paura!”,” Mi hai offeso!”. E così via.

Il potere delle urla è particolarmente sorprendente per me. Penso che molti di noi che sono limitati nell’espressione sana delle emozioni, non immaginano nemmeno cosa esattamente e quanto forti vorrebbero dire al mondo. Ma non per nessuno, ma per te stesso.
Una ragazza di circa tre anni, che non era nel momento di maggior successo per lei, vive sotto di me: sua madre ha un bambino tra le braccia. E urla con un’intonazione completamente diversa da quel bambino che dice alla madre che fa male, o bagnato o affamato. Lei urla con un obiettivo: “Io!”Lei urla di essere, che esiste e che coloro che sono vicini a lei dovrebbero essere scoperti sulla sua esistenza. Urla con una speciale intonazione indifesa di frenesia: su una nota, come alcuni uccelli, con disperazione e con monotona fiducia che passerà a mille anni davanti a quello che la sentirà davvero trovata.
A volte voglio anche gridare al mondo che sono, sono io, quello che io, di cui il mondo potrebbe non sospettare, o forse non vuole sospettare. Questa domanda è molto difficile da nascondere sotto il letto in modo che non si uscirà da lì e non brilli.
Penso che questa sia la cosa principale di cui voglio dire al mondo. Insieme a una ragazza di tre anni dal terzo piano, urlando così disperatamente e in modo così irrilevante.

  • Diventa il maestro del suo destino
  • Elena Sokolova: “L’indifferenza ai sentimenti di un’altra persona è una delle forme di violenza”

Gli inviti delle psicologie

  • Informazioni sul progetto
  • Termini di utilizzo
  • Pubblicità sul sito Web
  • Termini di utilizzo
  • Regole per la partecipazione alle competizioni

© 2006-2022 Network Edition "Psicologie.RU – Il sito ufficiale della rivista Psychologies (Psycholojis)", Shkulev Media Holding / ooo “Shkulev Media Holding”.

Certificato di registrazione dei media EL n. FS77-82353, emesso dal Servizio federale per la supervisione di comunicazioni, tecnologie dell’informazione e comunicazioni di massa (Roskomnadzor) 23.undici.2021.

Tutti i diritti riservati. È vietata qualsiasi riproduzione dei materiali del sito senza l’autorizzazione dell’ufficio editoriale. 16+


Posted

in

by

Tags:

Comments

Trả lời

Email của bạn sẽ không được hiển thị công khai. Các trường bắt buộc được đánh dấu *